Nasce la Fondazione Cassa Rurale Valsugana e Tesino

La Cassa Rurale Valsugana e Tesino è promotrice e fondatrice della Fondazione: una nuova idea di partecipazione civile e di crescita del territorio.

Nella foto, da sinistra: Giacomo Bianchi, il Presidente CRVT Arnaldo Dandrea, il nuovo Presidente della Fondazione VT Stefano Modena, Davide Battisti, il Direttore generale Paolo Gonzo, Michele Giacoppo

17 dicembre 2021
Novità |  Territorio |  Banca |  Fondazione | 

Si è costituita venerdì 17 dicembre dal Notaio Donato Narciso in Borgo Valsugana la Fondazione Cassa Rurale Valsugana e Tesino alla presenza del Presidente della Cassa Rurale Arnaldo Dandrea, del Direttore generale Paolo Gonzo e dei cinque nuovi amministratori che gestiranno il nuovo ente.

 

La Fondazione come recita all’inizio, l’articolo 2 dello Statuto “persegue, senza scopo di lucro, finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale”.

“Queste finalità” ci dice il Presidente della Rurale Dandrea “sono rivolte alla crescita e allo sviluppo del territorio nel suo complesso, e anche al miglioramento economico, sociale, culturale dei singoli. È un grande progetto al nastro di partenza, e chiederemo a tutti un contributo di idee per farne un motore di sviluppo delle nostre comunità”.
Solo altre tre Casse Rurali Trentine hanno finora dato vita a una Fondazione destinata a prendersi cura dello sviluppo territoriale dal punto di vista culturale e sociale, mettendo in campo grazie alle risorse della Cassa Rurale tutta una serie di iniziative con la speranza di possano diventare un volano di crescita di tutto il territorio.


La Fondazione verrà gestita da un Cda composto da cinque membri che vede come suo primo Presidente Stefano Modena, già consigliere in carica della Cassa Rurale.
Gli altri quattro membri, individuati per capacità innovativa, spessore culturale e consolidate professionalità sono Arnaldo Dandrea, Presidente CRVT, da Michele Giacoppo tributarista di Valstagna, da Davide Battisti, presidente di Trentino 2060 e da Giacomo Bianchi presidente Arte Sella.


“Tutte figure di alto profilo che con il loro apporto stimoleranno il territorio nelle sue componenti e articolazioni in un dialogo che siamo certi, sarà produttivo: abbiamo di fronte un compito impegnativo e una altrettanto grande responsabilità. Fare in modo che la Fondazione sia quel tassello mancante in un quadro articolato di comunità e territori, che grazie a una idea cooperativa sempre attuale porti quella prosperità diffusa che vuol dire benessere per tutti e non solo per pochi” afferma il Presidente della Fondazione Stefano Modena.

 

Il nuovo ente inizierà la sua attività con il nuovo anno, nel 2022, ed è già impegnato in una prima programmazione e nella raccolta di spunti e idee per i progetti da realizzare, anche con il supporto di un Comitato che si intende costituire nel corso dei prossimi mesi.
“Come banca, siamo una realtà solida, produttiva, e innovativa” conclude con un suo intervento il Direttore generale Paolo Gonzo“ che prosegue nel suo compito di garantire servizi di qualità a Soci e clienti, come Cassa Rurale con la Fondazione saremo ancor di più presenti nelle comunità, per portare avanti quel progetto sociale di inclusione e sostenibilità ereditato dal nostro passato”.

 

Per chi volesse informazioni o contatti con la fondazione, è disponibile il seguente numero di cellulare 348-7063042.

 

Scarica il comunicato stampa