Inserisci quello che stai cercando, noi ti aiuteremo a trovarlo.

Novità     Privati     Territorio     Banca    

Inaugurazione nuova sede di Fonzaso

Anche il sole – grande assente di questo ultimo periodo – non ha voluto mancare questa mattina all'inaugurazione della nuova sede della Cassa Rurale Valsugana e Tesino a Fonzaso (BL), rimanendo però ben presto impallidito dai numeri sciorinati, con legittimo orgoglio, da parte del Presidente Arnaldo Dandrea. I clienti della CRVT, infatti, sono ben 30.530, di cui 1.720 si trovano a Fonzaso, rappresentando il 33% dei clienti bellunesi che a loro volta costituiscono il 17% dell’intera Cassa.

«Il dato dei soci – ha detto il Presidente Dandrea nel suo intervento – è altrettanto importante: Fonzaso con i suoi 266 soci rappresenta il 28% dell’area bellunese; questa area che conta 950 soci costituisce l’11% dell’intera compagine sociale, che ha raggiunto un totale di 8.650 soci, sempre in crescita. Le masse che vengono intermediate in quest’area rappresentano il 13% dell’intera Cassa che ha raggiunto e superato un miliardo di depositi e 560 milioni di prestiti. Dati – ha sottolineato Dandrea – che ci rendono molto orgogliosi ed è un continuo stimolo all’impegno verso il miglioramento».
Cifre di questa entità non si raggiungono di certo per caso, né tanto meno in un giorno. Correva l’anno 1992, infatti, quando la Cassa Rurale Valsugana e Tesino decise di espandere la propria presenza ben oltre i confini della provincia di Trento, aprendo le filiali di Arsiè e di Lamon. Nel 2003 fu la volta della filiale di Arten, frazione di Fonzaso, comune bellunese di oltre 3 mila abitanti nel quale ora, in Via Zucco 4/A, è stata aperta una filiale tutta nuova, restituendo al paese un’area completamente riqualificata e, soprattutto, di proprietà della Cassa Rurale Valsugana e Tesino.
«Quando si compra casa – ha osservato il direttore generale Paolo Gonzo – vuol dire che si ha intenzione di mettere radici e noi vogliamo farlo in questa comunità».
E nel migliore dei modi. La filiale, infatti, si sviluppa su un’area di 450 mq: è dotata di cinque uffici per l’accoglienza e l’assistenza ai clienti per l’operatività tradizionale, ma anche di uffici dove viene proposta, in tutta riservatezza, l’attività di consulenza della CRVT. L’esterno, poi, unisce l’utile al dilettevole, con un parcheggio adeguato e un grazioso giardino.
«Con questa operazione abbiamo razionalizzato la nostra presenza nel comune di Fonzaso, raggruppando in questa nuova sede anche la filiale di Arten dove comunque manterremo operativo il Bancomat» ha aggiunto il Presidente Dandrea, ricordando poi che «anche in questa filiale – come in tutte le altre filiali della Cassa – proponiamo il nuovo orario in vigore da aprile: la Cassa è aperta tutte le mattine per le consuete attività, mentre il pomeriggio gli uffici della Cassa sono aperti su appuntamento fino alle 18.30».
Il presidente Dandrea ha quindi ricordato il nuovo slogan “Inclini al futuro”, il quale – ha detto – «non può che essere il più appropriato oggi che diamo il via ufficiale a questa nuova sede: un investimento importante che è uno sguardo fiducioso al futuro».
Il Presidente ha spiegato, inoltre, la presenza nella filiale del nuovo divano giallo «che vuole simboleggiare il senso di famiglia, dello stare comodi e a proprio agio come a casa, ed anche con questo – ha concluso – vogliamo testimoniare il nostro ruolo di banca locale, del fare cooperazione, della reciprocità, insomma del darsi una mano a vicenda».

«Certo – gli ha fatto eco il direttore generale Paolo Gonzo – oggi lo scenario economico e soprattutto il concetto di fare banca è piuttosto complesso da interpretare ed è anche questo il motivo per cui piccole banche locali come la nostra si sono organizzate nel nuovo gruppo bancario Cassa Centrale Banca. Ma ciò non toglie il fatto che vogliamo rimanere una banca locale, essere presenti sul territorio, concludere relazioni positive con la comunità, avere a cuore i risparmi dei nostri clienti e favorire la crescita delle nostre imprese locali».

«Siamo una banca forte – ha proseguito Gonzo – con i conti a posto, un solido patrimonio frutto del lavoro e della fatica di tante persone, ma soprattutto abbiamo sviluppato nel tempo delle notevoli professionalità che possono senz’altro incontrare le esigenze dei nostri clienti per quanto riguarda gli ambiti patrimoniali, previdenziali e assicurativi».

Il Presidente Dandrea, infine, ha voluto ringraziare espressamente tutti i soci e i clienti in primis, le imprese «che hanno lavorato benissimo e in tempi davvero da record», il Sindaco di Fonzaso e la sua Giunta che hanno accolto con favore il progetto, tutti i collaboratori «che hanno lavorato fino all’ultimo minuto anche durante l’inaugurazione non ufficiale per far vedere e toccare con mano al paese la nuova filiale”, con una menzione speciale «per l’instancabile Vania che è la responsabile dell’area bellunese, ma soprattutto Christian che ha preso in mano la filiale da qualche mese».

All’inaugurazione, allietata dai canti del Coro Val Bronzale di Ospedaletto, erano presenti fra gli altri il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin – il quale ha sottolineato l’importanza di investire ed essere positivi, inclini al futuro, in momenti non certamente facili –, il sindaco di Fonzaso, Giorgio Slongo – per il quale questa nuova filiale rappresenta un motivo di orgoglio e di sprone per altre attività sul territorio –, don Alberto Vallotto che alla veneranda età di 85 anni, 58 dei quali trascorsi come sacerdote a Fonzaso, ha impartito la sua benedizione, nonché dei rappresentanti della Federazione Trentina della Cooperazione che hanno sottolineato l’importanza di questa inaugurazione fuori dai confini trentini.

Una presenza, quella della Cassa Rurale Valsugana e Tesino, tutt’altro che occasionale nel territorio bellunese. L’appuntamento – ha detto infatti il Direttore Paolo Gonzo – è per il 1° aprile 2020 con l’inaugurazione della nuova sede di Lamon.

E anche in quell’occasione, c’è da scommetterci, non mancherà di fare capolino il sole, incline al futuro.

Fonte:  Johnny Gadler e Giuseppe Facchini (testata web “Il Cinque”)